THE HATEFUL EIGHT (2016) [Recensione]

Tante aspettative... un film piatto come questa immagine.

Un film inutilmente lungo e noioso. Una struttura narrativa sbilanciata.

Tarantino torna a cimentarsi con la sua visione del western, in una nuova rivisitazione di un genere utilizzando un diverso linguaggio. Una tecnica registica pulita e artefatta, che però non basta per farmi digerire la noia che pervade tutto il film.




La scatola è il western, il contenuto è il film giallo alla Dieci piccoli indiani con una spruzzata di La cosa di Carpenter. Incastro interessante, come sempre nei film di Tarantino, ma con un incrocio noioso e sbilanciato. La fase d'introduzione dei personaggi è tremendamente lunga. In un film fatto solo di attori che recitano su scene d'interni ricreate i personaggi sono indispensabili, e i soliti dialoghi inconcludenti di Tarantino qui sono devastanti.

Sarebbero stati meglio i silenzi. O qualche scrittore più raffinato nel tagliare sproloqui inutili. Ma Tarantino non fa nulla di questo, e l'inizio sembra non finire più.

Nella seconda parte il ritmo riprende, e il sangue accende il piattume, coprendo una trama stupida e personaggi sopra le righe che diventano macchiette. Comunque bidimensionali.

Finale pessimo. Inconcludente. Che tradisce ogni aspettativa.

Nessuna nomination agli Oscar per la regia ne per la sceneggiatura. Mi sembra giusto.

5/10
RACCONTI
Gratuiti
 Acquista qui    Acquista qui

ROMANZI
Completi
 Acquista qui

FUMETTI
Completi
 Acquista qui     Acquista qui     Acquista qui